Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
9 novembre 2011 3 09 /11 /novembre /2011 18:19

316170_2365719980615_1178869264_32340588_1064689017_n.jpgALTRA IDEA DI POESIA

(Roberto Cogo, 2005) ci sono quelli segnati da un nonnulla quelli coi geni arruffati dalla mano saggia di un dio indifferente alla quiete di un linguaggio
traducibile e fedele

(quelli con un’altra idea di poesia)

oltre il peso degli aridi schemi
ci sono quelli dal sentire leggero di piuma
infiammabili come la paglia
da lacrime roventi o risate
o richieste d’aiuto

(per loro non fa differenza)

stanno davanti al richiamo interiore
irresistibile e concreto
della crema che gonfia il pasticcino
stanno oltre lo schermo della vita franta
ma solo di rimando
da lì allungano una mano lieta
o un temibile pugno

(forse sono ricci, forse figli di fata)

forse vivono in un sasso indistinto
tra cielo e formica
nell’unica forma di vita
che soffia e smuove ogni cosa

(l’ala fragile di una farfalla
li solleva dal dovere di una scelta)

sono quelli che rimpallano lo sforzo
e la voglia
di rimetterci in gioco, di ridiscutere il mondo


link http://www.facebook.com/topic.php?uid=106327238792&topic=14778 Autismo .pubblicata da Ariano Davide il giorno martedì 15 giugno 2010 alle ore 11.18.

 Nuda veste che tremi e t'inondi di vento,in un soffio voli via.. Il tuo volto di luna variopinto con le sue sfumature rossastre sprizza luce. Tra gli sguardi attoniti il tuo pittoresco cielo racchiude un mondo ancor del tutto sconosciuto.. Silenzio suonato nel coro:ti fermi correndo nelle competizioni, t'illumini di genialita' nella tua scuola ,vivi nell'ombra senza luce, vivi sentendo le voci del silenzio. T'inebri di te stesso :tra i rumori giocosi, tra le feste chiassose , guardi nelle tue sfumature pungenti incurante delle ferite arrecate . D'amor tacito elevi le parole celate d'inverni scontri tra estive speranze.. Raccogli la luna eclissando tra le soffici nuvole all'ineando con fatica la folle realta',fatta di sentieri e paure tracciate frettolosamente tra i granelli di sabbia che pesano come macigni nella clessidra, come la parola Autismo..

 

Io voglio diventare amico di tutti E mio castello gioire Salvatore Marotta I TESORI SOMMERSI RIAFFIORANO SULLE SPONDE DI SPIAGGE DORATE DOVE I DELFINI Si RINCORRONO TRA LE ONDE E IL MARE DELL’AMORE ANELA AL CIELO DEL CUORE CON VARIOPINTI AQUILONI CHE TRATTEGGIANO ARCOBALENI. UN SORRISO DI SPERANZA ILLUMINA I VOSTRI VOLTI DI LUNA E LE STELLE DANZERANNO SULLE ALI DI UN GABBIANO, OLTRE IL MURO DELL’ INDIFFERENZA.

 

MIRKO (Autismo Matteo) ... Sei arrivato bambino inquieto incontenibile ti abbiamo scoperto ..timoroso ..pieno di paure abbiamo allontanato insieme la morsa di un senso di non potereoggi ti guardo ti sollevi da una caduta osservi la situazione senza battere ciglio rimonti e riprendiquella tua "cavalcata" riempie le nostre speranze un senso paterno d'aver costruito un uomoquello che abbiamo covato dentro di noi per l'augurio che tu sia sempre felice come lo siamo noi con il semplice stare al tuo fianco.

 

(Autismo Fabiano) Sembra a volte che il silenzio attanagli il tuo pensiero le esperienze insieme vivono fanno sorgere in te un mondo che è anche nostro di amore e di paure di desideri e di dubbi.La tua stretta di mano il tuo abbraccio sono una apertura perché sempre possiamo credere nell'amicizia fondare la certezza di un domani pieno di successi che ci troveremo a fianco per cavalcare le nostre-tue recondite speranze.Giornata d'attesa scioglie l'immagine un vago senso di velluto si posa sulle labbra cullate e dolci per la tua pelle scura di sole giovane di anniocchi increduli rincorrono una landa rosata un petalo di gioia una tenerezza espressione un po' triste chiama sornionacorrere in sogni variopinti di una adolescenza rinata scoprire un desiderio un'ampia distesa di mare invade placida una giornata d'attesa ! mamma parola d'amore mamma,mi donasti un'inifanzia di pane fragrante,di acqua di fonte,di uve passite al sole del sud. Giorni lontani plasmati con le tue mani: l'indifferenza tra le montagne silenziose che tu scalasti con fatica. Mamma speciale come me,sei quell'albero frondoso che agli affanni della vita da riposo e nu...lla chiede,nulla per se' spera,solo una preghiera per me.. Tu che piangesti in segreto nel buio,tu che facesti cadere il muro dell'indifferenza,della mia solitudine per condurmi nel tuo amore.. tu sei mia amica,tu sei ispirazione,tu sei angelo beato che dio ci ha mandato. Tu sei la sola al mondo che sa,del mio cuore,cio che e' stato sempre,prima d'ogni altro amore.Dentro la tua grazia hai fatto riposare la mia angoscia.. Regalarti un sorriso,il mio scopo piu vivo.Regalarti un'emozione,la mia gioia piu' profonda per te mamma speciale che hai regalato a me la vita.

 

Onde di Morgana .pubblicata da Ariano Davide il giorno mercoledì 11 novembre 2009 alle ore 21.53.scrivo le onde dolci tra le spume dei pensieri,che brillano di belle visioni di colei che impetuosa trasporta : dolce serenita' umile pura di natura... Avanza tra me ed il cuore , va onda sei frizzante e' briosa avanza nel futuro e indietreggia nei ricordi ridenti e fuggitivi ... ho il dono labile dell'amore che tutti quanti inseguono; mi tuffo nella cascata del divenire e ne emergo schiumando e ridendo. . . e un brivido ..scorgo la dolce melodia che si infrange con le sue gocce rinasce sorgente pura tra i riflessi traspare la luce onde di morgana.. Sono inondato di vita. Con la coda dell'occhio scorgo un guizzo fugace una piccola onda cadente che solca il mio cielo.. la mia notte, la mia anima. I tuoi occhi I tuoi occhi come stelle non guardano.. Sanno. Oltre C'è un punto dove stai che nessuno conosce: oltre Oltre i nodi di contorti pensieri Oltre le bave di spudorate parole Oltre le cose mai viste Oltre le cose mai dette. Dentro Sei dentro i cicalecci degli angeli dentro la danza di un magico kaos. E sei vero Vivo, vero e raro come nessuno.

 

Pier Carlo ..........Laguna ghiacciata La laguna è bianca di ghiaccio. I gabbiani camminano sulle barche adagiate sopra croste bianche. Io guardo il paesaggio freddo: tutto il mio mondo è come questa barca incagliata nel ghiaccio p.c.m. Poesia di un Ragazzo Autistico Ariano Nella mia ombra io ci vivo Io ho dentro il silenzio Altri decidono per me senza sapere cosa Salvatore vuole …………. Io mi sento amico dell’ombra Faccio castelli in aria belli e giusti ……………… Cancella post · più di un anno fa.Ariano Davide Non molti regni rimasti Scrivo le labbra della luna sulle tue spalle. In un tempio d’argentea lontananza le faccio la guardia mentre riposa. Per il suo letto scrivo una quiete su tutti i cigni del mondo. Col respiro mattutino del leopardo delle nevi le copro contro ogni male. Usando la penna dei fiumi e delle vette le riempio il cuscino di canzoni. Sui suoi capelli scrivo lo sguardo dei cieli di primo mattino. Lontano da questo regno, da questo ultimo posto inviolato, scrivo civiltà, governi e tutte le altre situazioni, abbandonate dallo spirito e militaresche. O freddi splendidi bocci, le labbra della luna corrono sulle tue spalle… Fatevi da parte! 

 Dietro queste scatole apparentemente vuote è in silenzio che ti parlo. La mia voce vuole arrivare al tuo cuore ma forse son arrivati prima i miei pensieri. perchè è un soffio che ci unisce e il filo che ci collega è proprio lui.. il silenzio. Il silenzio della voce, il silenzio dei gesti, che lascia parlare cio' che troppo spesso rimane.. in silenzio. Cancella post · più di un anno fa.Ariano Davide

 

 LETTERA A UNA BAMBINA SPECIALE.. Cosa hai sentito finora del mondo attraverso l'acqua e la pelle tesa della pancia di mamma? Cosa ti hanno detto le tue orecchie imperfette delle nostre paure? Riusciremo a volerti senza pretendere, a guardarti senza riempire il tuo spazio di parole, inviti, divieti? Riusciremo ad accorgerci di te anche dai tuoi silenzi, a rispettare la tua crescita senza gravarla di sensi di colpa e di affanni? Riusciremo a stringerti senza che il nostro contatto sia richiesta spasmodica o ricatto d'affetto? Vorrei che i tuoi Natali non fossero colmi di doni -segnali a volte sfacciati delle nostre assenze- ma di attenzioni. Vorrei che gli adulti che incontrerai fossero capaci di autorevolezza, fermi e coerenti: qualità dei più saggi. La coerenza, mi piacerebbe per te. E la consapevolezza che nel mondo in cui verrai esistono oltre alle regole le relazioni e che le une non sono meno necessarie delle altre, ma facce di una stessa luna presente. Mi piacerebbe che qualcuno ti insegnasse a inseguire le emozioni come gli aquiloni fanno con le brezze più impreviste e spudorate; tutte, anche quelle che sanno di dolore. Mi piacerebbe che ti dicessero che la vita comprende la morte. Perché il dolore non è solo vuota perdita ma affettività, acquisizione oltre che sottrazione. La morte è un testimone che i migliori di noi lasciano ad altri nella convinzione che se ne possano giovare: così nasce il ricordo, la memoria più bella che è storia della nostra stessa identità. Mi piacerebbe che qualcuno ti insegnasse a stare da sola, ti salverebbe la vita. Non dovrai rincorrere la mediocrità per riempire vuoti, né pietire uno sguardo o un'ora d'amore. Impara a creare la vita dentro la tua vita e a riempirla di fantasia. Adora la tua inquietudine finché avrai forze e sorrisi, cerca di usarla per contaminare gli altri, soprattutto i più pavidi e vulnerabili. Dona loro il tuo vento intrepido, ascolta il loro silenzio con curiosità, rispetta anche la loro paura eccessiva. Mi piacerebbe che la persona che più ti amerà possa amare il tuo congedo come un marinaio che vede la sua vecchia barca allontanarsi e galleggiare sapiente lungo la linea dell'orizzonte. E tu allora porterai quell'amore sempre con te, nascosto nella tua tasca più intima.

 

Ariano Davide VORREI … POTREI Quanto vorrei a volte, poter essere un gabbiano, volare sopra il mondo senza essere riconosciuta. Potrei sfiorare l'acqua del mare e farmi trasportare dalle dolci onde, sentire il vento che viene a contatto con tutto il mio piccolo corpo. Con un battito di ali potrei raggiungere quell'immensa luce di colori che fa brillare ogni cosa che tocca. Potrei sprofondare nelle morbide macchioline bianche che avvolgono il cielo e assistere da lontano alla vita che scorre sotto di me. ...scritto da una disabile ,anche se e' semplice anche se semplice dimmi se non esprime qualcosa di bellissimo, una speranza..

 

.Ariano Davide Soli si muore, Stasera ho sepolto il mio cuore, ucciso dai miei giorni infranti non voglio più averti davanti. Ma soli si muore ed è eterno, Come? Fuggire,restare, lottare? Nascondersi oppure amare? Soli si muore, fuori già piove piove sul mondo mentre il sangue ribolle profondo, avvalendosi dell’incertezza di un’ultima vuota carezza, frustrazione, noia, stanchezza. Soli si muore e passan le ore insolito incanto paura ed insieme rimpianto cordoglio di aver dato tanto. Soli, ma dove? Ovunque purchè ora ci sia, silenzio nell’anima mia. Pubblicato in Le poesie di Claudia | Contrassegnato da tag poesie | Lascia un commento »

 

Mamme speciali di bimbi speciali luglio 21, 2010 di autismoeamore Una poesia dolcissima, di una mamma che vive la quotidianità del disagio dei nostri bimbi, sono parole da leggere con il cuore Mi chiamo Raffa Mi chiamo Raffa ed ho il “pervasivo” Han detto anche che sono iperattivo ma non capisco…io rido , salto vivo!! Mi chiamo Raffa e sono un poco “strano” magari da una foglia, io vedo un aeroplano e spiego le mie ali in un mondo assai bizzarro, ma se vi soffermate è facile osservarlo. Mi chiamo Raffa ed ho un sogno nel cassetto da grande vorrei fare il pittore o l’architetto. Mi chiamo Raffa rifiuto dei parenti, non credono neppure che io abbia dei talenti.. Ecco vi dico, Non sono un qualunquista, io vedo il mondo con gli occhi dell’artista, io non lo sento il giudizio della gente e non si dica che sono negligente. Io non conosco né l’odio, né il rancore l’indifferenza a me non dà dolore.. A volte guardo negli occhi l’altra gente e non comprendo perchè giudica sempre senza sapere che in fondo a questo cuore coltivo anche speranze e tanto amore Claudia Amedei – mamma di Raffaele Pubblicato in Le poesie di Claudia, Storie | Contrassegnato da tag poesia | 9 Commenti » A Misano il primo centro estivo per bambini con autismo luglio 19, 2010 di autismoeamore

 

Autistica Impossibile fuggire, per me… che sono spazio azzurro senza principio e senza fine. Ma il dolore squarcia la gola e fascia la testa priva di luce, isolamento obbligato sopraggiunge come un dardo, con le gambe strette al petto, serro tutte le fessure che mi scagliano verso l’esterno. Gli occhi chiusi e stretti come in una morsa lacrimano e bruciano, dondolo, niente mi riporta dentro il mio spazio azzurro. Qui dentro c’è silenzio, bozzolo che mi salva dalla follia, suona solo una nenia stereotipata, capace di cullare le mie membra estranee, il suo potere: è cancellare la memoria e la materialità. Situazione rischiosa, questa voglia di estraneità dal mondo, ed io che provengo, da una tribù antica, ho imparato a spezzare il vuoto. Come? Autolesionismo, profonda consapevolezza del male, d’ origine primordiale, Non abbiate paura, nessun sgomento, nessun disgusto, per questa forma di procedura oscura, a voi… niente tocca. Esso allontana da un dolore molto più profondo, quello emotivo e per uscire dalla bruma oscura, devo per forza intervenire, l’autistica lascia infiltrare la ragione, srotola i pensieri verso la realtà e la responsabilità , finalmente mi riapproprio del mio corpo, un dolore fisico sentito e dovuto, che riapre la porta dello spazio azzurro, che attende senza pretese il mio rientro. 

 

 Prigioniero di me Prigioniero di me stesso, io scavo nella fertile terra di un'anima in letargo. Pareti spesse di muti dolori, come pietre che nascondono un tesoro, sbarrano un sospiro di speranza che ha smarrito la via della Resurrezione. Mi dileguo nel buio di un passato che si addormenta in un sorriso fantasma. Io scavo con bramosità nelle pieghe insanguinate di ferite che lacerano il mio cuore in silenzi di ghiaccio. Almeno trovassi una fessura di verità per ecclissarmi nella gioia di una danza di luce, un 'ultima carezza di angelo errante... ..

 

Autismo a conchiglia... E dentro quella conchiglia i tuoi splendidi occhi verdi, i tuoi capelli mori a spazzola, il tuo silenzio urlato le tue urla silenziose. Una conchiglia dischiusa che tutti hanno voluto dimenticare nella sabbia melmosa di quotidiane abitudini, di solita vita, di solite persone, di solita, triste e crudele indifferenza. Per conoscerti ho dovuto imparare a conoscermi, trovando il coraggio di gettare via una maschera. Mi sono lasciata guidare dalla dolce e misteriosa alchimia che ha forgiato il nostro legame, che ha placato i miei timori e ci ha aiutato a crescere insieme. Comunicare sena parole ne segni ha avvicinato le nostre anime. Sento dentro me la tua energia di vita. Vorrei anch'io averti dato così tanto.  

 

"Se non potete essere un pino sulla vetta del monte siate un fiore sulla valle, ma siate il migliore piccolo fiore sulla sponda del ruscello. Non con la mole vincete o fallite. Siate il meglio di qualunque cosa siate" (Douglas Mallok) A mio figlio cerco ogni giorno di insegnare questo, anche se è molto piccolo e...disabile. Sperando che il mondo sia pronto ad accogliere questo "meglio", frutto di lavoro e fatica. Aiutateci a preparare un mondo pronto a valorizzare questo "meglio". Grazie e buon lavoro. Montesilvano 22 febbraio 2010 Cancella post · più di un anno fa.

 

Ariano Davide Come una rosa blu (Gerda Klein) Jenny è una bambina….. un’adorabile bambina. I suoi occhi sono nocciola, i capelli un po’ più scuri. Se i capelli le cadono sugli occhi, li scosta. Ma la mano non và diritta alla fronte, prima si curva come un fiore al primo schiudersi dei petali, poi scosta i capelli dagli occhi. Jenny è diversa. Diversa ? Si, diversa da quasi tutte le altre Ma chi ha detto che tutte le persone debbano essere uguali ? Pensare, agire, apparire uguali ? Per me Jenny è come una rosa blù. Una rosa blù ? Avete mai visto una rosa blù ? Ci sono rose bianche, e rose rosa, e rose gialle, e una infinità di rose rosse. Ma blù ? Un giardiniere sarebbe felice di avere una rosa blù. La gente verrebbe da lontano per vederla. sarebbe rara, diversa, bella. Anche Jenny è diversa. Ecco perché, in qualche modo, è come una rosa blù. Quando Jenny giunse a casa dalla clinica, “una bambolina rosa, morbida e paffuta” piangeva spesso, più spesso degli altri bambini. Perché ? Chissà, forse vedeva ombre diverse che la spaventavano. Forse udiva suoni a lei sconosciuti. Quando fù più grandicella, stava sempre accanto alla mamma e le si attaccava alla gonna. Per un uccello così, volare è difficile: ci vuole più forza, più fatica, più tempo. Per un uccello con le ali normali volare è una cosa scontata, ma un uccellino con le ali corte deve impegnarsi molto per imparare. Non importa cosa. Ma c’è un’altra Jenny, una Jenny che, in un triste pomeriggio d’inverno, siede in poltrona e si dondola, con la sua bambola fra le braccia. E’ molto turbata, è confusa. Lentamente mi dice: “ mamma, Sally ha detto che sono ritardata. Che vuol dire, mamma ? Ritardata ? I bambini dicono ritardata, e ridono. Perché ridono, mamma ?” Sapete, quando un gattino perde la coda l’udito gli si fa più acuto, dicono. E’ vero che la coda aiuta un gattino a correre più veloce, ma un gatto senza coda ci sente meglio e avverte i passi che s’avvicinano molto prima degli altri micini. Ma alcuni non sanno che un gatto simile può avere un udito tanto acuto; vedono solo che gli manca la coda. Certi bambini sono crudeli e guardano fisso, e prendono in giro: “gatto senza coda ! “ A volte Jenny correva dalla mamma e le si aggrappava stretta, così, senza una ragione, o almeno senza una ragione chiara per noi. Pian piano capimmo che il mondo di Jenny era un poco diverso, un mondo, in un certo senso, a noi ignoto. Cominciammo a pensare che vivesse in un mondo nel quale potevamo non sentirci a nostro agio. Entrare in quel mondo è un po’ come andare su un altro pianeta. E’ come se Jenny vivesse dietro uno schermo, uno schermo che non riusciamo a vedere. Forse ha colori magnifici, forse quei colori, a volte, distraggono Jenny dal prestare attenzione a quel che diciamo. O forse ascolta una musica che noi non possiamo sentire. I pesci hanno un linguaggio e una musica tutta loro, portata dalle onde, dicono. Una musica che noi non possiamo udire perché non abbiamo orecchie abbastanza fini. Si, forse Jenny ode suoni che noi non udiamo, forse è per questo che a volte balza in piedi e intreccia misteriosi passi di danza. Jenny è come un uccellino, un uccello dalle ali molto corte, mi capita di pensare. Ci sono molte cose che Jenny non capisce. E ci sono molte cose di Jenny che gli altri non capiscono: che Jenny è come un gattino senza coda, che Jenny sente una musica diversa, che Jenny ha le ali corte, che Jenny deve essere protetta. Jenny è come una rosa blù, delicata e bellissima, Ma le rose blù sono così rare che ne sappiamo poco, troppo poco. Sappiamo solo che hanno bisogno di essere curate di più. Di essere amate di più Cancella post · più di un anno fa.

 

Ariano Davide Traduzione da Inglese verso Italiano Hai mai? da Tomlin Tassy Avete mai desiderato di poter tenere e ricevere affetto dal vostro bambino? Avete mai desiderato il bambino ti guardava la quinta volta il sesto o settimo si chiama il suo nome? Hai mai voluto avrebbe chiamata mamma, mamma o mamma? Avete mai desiderato la tua 2 anni vi direbbe NO? Avete mai fatto a 8 diverse caselle di cereali per vedere quale casella vuole, perché non posso dirvi? Vi siete mai chiesti perché le cose che dice, dice più e più volte? Sei mai stato benedetto con un sorriso da orecchio a orecchio, perché hai capito cosa volesse dire la prima volta ha cercato di dirti una cosa? Hai mai mangi cereali tutto il giorno perché è quasi tutto quello che mangerà? Avete fissato dieci pizza o più volte alla settimana, perché mangerà anche questo? Avete mai lavato quel piatto speciale e scodella 2 o 3 volte al giorno perché ha a mangiare fuori di loro? Avete mai dovuto alzarsi dal tavolo due volte in una sola seduta, per lavarsi le mani preziose, perché si sono sporchi e non vuole mangiare finché non sono puliti? Avete mai lasciate che il vostro bambino indossare la stessa maglia per 3 giorni di fila, grazie a Dio almeno indossa abiti oggi? Hai mai preso le sue scarpe e rimetterli su 6 o 7 volte, fino a che non si sentono giusto? Avete mai lasciato indossare quelle scarpe a letto, notte dopo notte? Vi siete mai chiesti perché in punta di piedi tutto il giorno e non potrebbe mai stare fermo? Avete mai fargli indossare un cappello calzino tutto il giorno e a letto perché la pressione lo fa sentire un po 'meglio e che copre le orecchie muffole una frazione del rumore di notte? Vi siete mai chiesti perché fuori di tutti i giocattoli che deve giocare, lui guarda le ruote della macchina che rotola avanti e indietro? Vi siete mai chiesti perchè non gioca? Avete mai avuto a disegnare la stella Wal-Mart o scintilla venti o più volte al giorno? Avete mai dovuto chiedere il manager di Wal-Mart per un segno, in modo da non dover disegnare tutto il giorno? Avete mai visto la gioia sul viso del bambino per avere quel segno? Avete mai dovuto chiedere il manager in un ristorante se si poteva lasciarlo nascosto un rapido sguardo alla cucina prima che lui sedersi a mangiare? Avete mai avuto di alzarsi e lasciare un ristorante appena il cibo colpisce il tavolo? Sei stato in fila alla cassa, con un carrello pieno di generi alimentari, quando esce un tracollo maggiore? Avete mai osservato le persone guardano a voi e al vostro bambino come se entrambi hanno la peste? Hai poi dovuto tenere la testa alta e morso il labbro per il bene di tuo figlio? Avete mai avuto a convincere il vostro pediatra che c'è qualcosa di non giusto? Avete mai avuto a sedere attraverso ore di valutazioni intensiva, paura dell'ignoto? Avete mai ricevuto la diagnosi di autismo per il vostro bambino?

 

.Ariano Davide LA VITA ...CHE TI CAMBIA .pubblicata da Mara Martino il giorno martedì 3 novembre 2009 alle ore 22.37.Scrivere...di se..di un dolore che nn riesci a sopportare...nn è cosa facile....soprattutto quando quel dolore lo senti ancora pungere il cuore e ti rendi conto che nn smetterà mai di sanguinare...... Io sono Mara..mamma di Flavio..autistico ricordo ancora quando me l'hanno comunicato.....signora deve essere forte..la situazione nn è buona ..suo figlio è autistico ricordo che la dott.ssa continuava a parlare..ad illustrare la casistica....e io me ne stavo lì....ferma solo su quella parola..E' AUTISTICO..E'AUTISTICO mi echeggiava nella testa...batteva al ritmo del mio cuore No ...nn stava parlando di mio figlio...lui era troppo piccolo...troppo bello...nn doveva succedergli mai niente...io glielo avevo promesso appena nato....la sua doveva essere una vita fantastica...meravigliosa....perchè.. perchè..perchè a me doveva succedere..qualsiasi cosa doveva capitare a me...e nn ai miei figli Avere quella notizia...ci ha distrutto...pensi solo ke qualcuno abbia portato via il futuro di tuo figlio...e tu nn hai niente ...nessun'arma...con cui combattere....era la mia una sensazione di svuotamento...la stessa che provi quando partorisci...e dentro per un momento ti senti vuota...ma poi ti danno quel fagotto...e tutto diventa meraviglioso...qui...invece c'era solo quella sensazione di vuoto... eppoi cosa avrei fatto con tutti gli altri....se ne sarebbero accorti ...le sue stereotipie come sarebbero state considerate...no io nn potevo dirlo a nessuno....avrei tenuto tutto in casa....e con tanto lavoro lui sarebbe guarito... quante illusioni...quante giustificazioni..ho dato, mi sono data....già perchè il primo nemico di mio figlio sono stata IO ho pregato...ho imprecato...ho litigato con mio marito ..mia sorella...ero e ancora adesso lo sono....intrattabile il mio scopo era quello di resettare tutto....avrei ricominciato da zero quanto mi sono sbagliata...quanto tempo ho xso a chiedermi perchè...quanto..troppo a piangere....quanto infine a copevolizzarmi poi c'è stato un momento...inatteso...in cui ho realizzato....che dovevo ...potevo...fare qualcosa quantomeno capire se potevo continuare a vivere...xkè io davvero mi sentivo morta dentro..e come tale nn uscivo neanche +...l'unica cosa che pensavo che mio figlio nn l'avrebbe potuto fare...e nn era giusto che io lo facessi....mi privavo anche dei sorrisi.. in un certo senso volevo essere come Flavio...autistica Poi ho conosciuto altri genitori durante un ricovero ad Ostuni....mi leggevano...come fossi un libro axto.....tra loro mi sentivo capita...normale...nn giudicabile....guardavano mio figlio...come si guarda semplicemente un bambino...senza pietà....senza falsità eppoi un giorno confidai alla mia copagna di stanza ...che credevo di nn meritare di fare + nulla...dato che mio figlio era così...e lei come uno schiaffo...rispose che io ero Mara...e nn Flavio....e come mamma dovevo dargli il meglio quanto aveva ragione....io ero ancora Mara....e lui era sempre il mio piccolo...era lì...nn era morto...dovevo concentrarmi solo sul rendergli la viita migliore ....nn sarebbe stato facile....ma ci avrei provato.... improvvisamente nn mi è importato + ke la gente lo guardasse.....lui era prima di tutto un bambino....e faceva le stesse cose di tutti gli altri bambini...perchè avrei dovuto condannare ogni passo ogni ripetizione come una 'gaffe autistica'...ero stata io fino a quel momento il suo nemico....io con la mia incapacità di accettare il suo handicap...e sebbene ad oggi...nn mancano i momenti di sconforto....e di rabbia ...Io sono al suo fianco....io , mio marito , i suoi fratelli siamo la sua famiglia e nn ci sentiamo soli... abbiamo impararato a guardarci intorno....siamo tanti....ma ci sentiamo incompresi dalle istituzioni...che sembrano nn voler capire il peso del nostro dolore e credo in assoluto che sia infine proprio questo il peso + grande da sopportare Tuttavia siamo tanti...e insieme uniti in un'unica voce chissà....magari riusciremo a farci sentire....lo dobbiamo ai nostri figlli...noi e solo noi possiamo garantirgli un futuro migliore.. mara

 

Scriviamo da una certa distanza, si scrive da lontano We write of the tears, we write of the pain Scriviamo delle lacrime, si scrive del dolore We write of time, we write of what happens all day. Scriviamo di tempo, si scrive di ciò che accade tutti i giorni. The words of enough's enough is not enough. Le parole di troppo è troppo non è sufficiente. Autism – Autism – Autism – is much too much; L'autismo - L'autismo - L'autismo - è davvero troppo; To be cared for by one person, by one couple, by one nation. Per essere assistiti da una persona, da una coppia, da una nazione. Knowing what we know, it should never have happened. Sapendo quello che sappiamo, non dovrebbe mai avere successo. We hold our breath – We hide our shame Tratteniamo il fiato - ci si copre la vergogna We must go on, day after day?? Dobbiamo andare avanti, giorno dopo giorno? Cancella post · più di un anno fa.Ariano Davide

 

ALTRA IDEA DI POESIA (Roberto Cogo, 2005) ci sono quelli segnati da un nonnulla quelli coi geni arruffati dalla mano saggia di un dio indifferente alla quiete di un linguaggio traducibile e fedele (quelli con un’altra idea di poesia) oltre il peso degli aridi schemi ci sono quelli dal sentire leggero di piuma infiammabili come la paglia da lacrime roventi o risate o richieste d’aiuto (per loro non fa differenza) stanno davanti al richiamo interiore irresistibile e concreto della crema che gonfia il pasticcino stanno oltre lo schermo della vita franta ma solo di rimando da lì allungano una mano lieta o un temibile pugno (forse sono ricci, forse figli di fata) forse vivono in un sasso indistinto tra cielo e formica nell’unica forma di vita che soffia e smuove ogni cosa (l’ala fragile di una farfalla li solleva dal dovere di una scelta) sono quelli che rimpallano lo sforzo e la voglia di rimetterci in gioco, di ridiscutere il mondo --------------------------------------------------------------------------------

 

 It Allows a Portrait in Line-Scan at Fifteen He retains a slight ‘Martian’ accent, from the years of single phrases. He no longer hugs to disarm. It is gradually allowing him affection. It does not allow proportion. Distress is absolute, shrieking, and runs him at frantic speed through crashing doors. He likes cyborgs. Their taciturn power, with his intonation. It still runs him around the house, alone in the dark, cooing and laughing. He can read about soils, populations and New Zealand. On neutral topics he’s illiterate. Arnie Schwarzenegger is an actor. He isn’t a cyborg really, is he, Dad? He lives on forty acres, with animals and trees, and used to draw it continually. He knows the map of Earth’s fertile soils, and can draw it freehand. He can only lie in a panicked shout SorrysorryIdidn’tdoit! warding off conflict with others and himself. When he ran away constantly it was to the greengrocers to worship stacked fruit. His favourite country was the Ukraine: it is nearly all deep fertile soil. Giggling, he climbed all over the dim Freudian psychiatrist who told us how autism resulted from ‘refrigerator’ parents. When asked to smile, he photographs a rictus-smile on his face. It long forbade all naturalistic films. They were Adult movies. If they (that is, he) are bad the police will put them in hospital. He sometimes drew the farm amid Chinese or Balinese rice terraces. When a runaway, he made uproar in the police station, playing at three times adult speed. Only animated films were proper. Who Framed Roger Rabbit then authorised the rest. Phrases spoken to him he would take as teaching, and repeat. When he worshipped fruit, he screamed as if poisoned when it was fed to him. A one-word first conversation: Blane – Yes! Plane, that’s right, baby! – Blane. He has forgotten nothing, and remembers the precise quality of experiences. It requires rulings: Is stealing very playing up, as bad as murder? He counts at a glance, not looking. And he has never been lost. When he ate only nuts and dried fruit, words were for dire emergencies. he knows all the breeds of fowls, and the counties of Ireland. He’d begun to talk, then returned to babble, then silence. It withdrew speech for years. When he took your hand, it was to work it, as a multi-purpose tool. He is anger’s mirror, and magnifies any near him, raging it down. It still won’t allow him fresh fruit, or orange juice with bits in it. He swam in the midwinter dam at night. It had no rules about cold. He was terrified of thunder and finally cried as if in explanation It – angry! He grilled an egg he’d broken into bread. Exchanges of soil-knowledge are called landtalking. He lives in objectivity. I was sure Bell’s palsy would leave my face only when he said it had begun to. Don’t say word! when he was eight forbade the word ‘autistic’ in his presence. Bantering questions about girlfriends cause a terrified look and blocked ears. He sometimes centred the farm in a furrowed American Midwest. Eye contact, Mum! means he truly wants attention. It dislikes I contact. He is equitable and kind, and only ever a little jealous. It was a relief when that little arrived. He surfs, bowls, walks for miles. For many years he hasn’t trailed his left arm while running. I gotta get smart! looking terrified into the years. I gotta get smart! LES MURRAY -------------------------------------------------------------------------------- Ciò permette un ritratto in versi scanditi a 15 anni Mantiene un leggero accento ‘marziano’ dall’età delle frasi isolate. Non abbraccia più per disarmare. Ciò gradualmente gli permette dell’affetto. Non gli permette la misura. La sofferenza è assoluta, stridente, e lo fa correre a velocità forsennata tra le porte che sbattono. Gli piacciono i cyborg. Il loro taciturno potere, con la sua cadenza. Ciò lo fa ancora correre per la casa, solo nel buio, parlottando e ridendo. Riesce a leggere di terreni, popolazioni e della Nuova Zelanda. Con argomenti neutri è un analfabeta. Arnold Schwarzenegger è un attore. Non è un vero cyborg, giusto babbo? Vive su quaranta acri, con animali e alberi, era solito disegnarli continuamente. Conosce la carta dei terreni fertili sulla terra, e sa disegnarla a mano libera. Sa mentire solo con un grido di panico Scusascusa,nonl’hofattoio! evitando conflitti con gli altri e con se stesso. Quando scappava lo faceva quasi sempre per andare dal fruttivendolo ad adorare la frutta ammonticchiata. Il suo paese preferito era l’Ucraina: è quasi del tutto un grande terreno fertile. Ridacchiando, si arrampicava sul fosco psichiatra freudiano che ci diceva che l’autismo è un prodotto di genitori ‘frigorifero’. Alla richiesta di sorridere, si stampava in faccia un ampio sorriso. Ciò gli proibì a lungo i documentari: erano film per adulti. Se loro (cioè, lui) sono cattivi la polizia li porta all’ospedale. Talvolta disegnava la fattoria tra risaie a terrazzo cinesi o balinesi. Quando fuggiva creava tumulto al posto di polizia giocando a velocità tripla rispetto agli adulti. Solo i cartoni animati erano adatti. Chi ha incastrato Roger Rabbit poi autorizzò anche il resto. Prendeva le frasi a lui rivolte come degli insegnamenti, ripetendole. Quando adorava la frutta, urlava come fosse avvelenata se gliela si dava da mangiare. Una prima conversazione a parola unica: aero – sì! aereo, giusto bimbo! – aero. Non ha dimenticato nulla e si ricorda la precisa qualità delle esperienze. Ciò richiede delle regole: rubare è comportarsi molto male, come uccidere? Conta a prima vista, senza fissare lo sguardo. E non si è mai perso. Quando mangiava solo noci e frutta secca, usava parole solo in caso di emergenza. Conosce tutte le varietà di volatili e le contee dell’Irlanda. Aveva iniziato a parlare, poi tornò al balbettio, poi al silenzio. Ciò lo allontanò dal linguaggio per anni. Quando ti prendeva la mano, era per usarla come uno strumento multi-funzione. È il terrore degli specchi, così rende lode a quelli che trova distruggendoli. Ciò ancora non gli permette la frutta fresca o il succo d’arancia con i pezzetti dentro. Nuotava di notte nel laghetto a metà inverno. Mancavano le regole sul freddo. Era atterrito dai tuoni e alla fine quasi per dare una spiegazione gridava Ciò-arrabbiato! Tostava il pane con un uovo rotto all’interno. Gli scambi di conoscenze sui terreni si chiamano discorsi di terra. Vive nell’oggettività. Fui certo che la paresi di Bell avrebbe lasciato il mio viso solo quando lui disse che aveva iniziato a farlo. Non dire parola! a otto anni vietò la parola ‘autistico’ in sua presenza. Domande scherzose sulle amichette gli causano un’aria terrorizzata e e la chiusura delle orecchie. Qualche volta mette la fattoria al centro di un Midwest americano tutto arato. Contatto d’occhio, mamma! è la vera richiesta d’attenzione. Ma occhio al contatto dell’io. È equo e gentile, solo di rado un po’ geloso. Fu un sollievo quando arrivò il più piccolo. Ondeggia, rotola, cammina per chilometri. Per molti anni non ha messo in moto il braccio sinistro correndo. Devo farmi furbo! guardando con terrore dentro gli anni. Devo farmi furbo! ------------------------------------------------------------------------------

 

 

 

 Una poesia di Teresa I nostri bambini fin dai primissimi istanti della loro vita diventano la nostra ricchezza più grande, la vita che era stata fino al loro arrivo diventa un ricordo e ci si ritrova genitori a tempo pieno. Fin da subito iniziamo ad accudirli e a proteggerli con tutto l’amore che abbiamo, a preoccuparci per loro, e a fare progetti per il loro futuro. E’ terribile quando il sogno di vederli crescere felici ed in salute, si infrange contro il muro della disabilità, è come se l’incubo peggiore fosse diventato improvvisamente vero e reale. Il nostro piccolo mondo crolla come un castello di carte travolgendoci insieme alle nostre certezze e alle nostre speranze. Ma la forza dell’amore non si spegne, da essa possiamo trarre l’energia necessaria a rialzarci in piedi e a combattere con determinazione il nemico invisibile che ha rapito i nostri figli. Paolo Quella che segue è una bellissima poesia scritta dalla nostra amica Teresa Tranfaglia, un invito a trovare questa forza dentro di noi e a non arrenderci mai. Risiedi oltre la morte, oltre la vita. Sei nelle mie membra, nel mio passato, nel futuro e nel presente che mi attraversa. Da sempre sei. Atavica e possente forza! Custode di me stessa. Guerriera instancabile. Dolce compagna e giudice severo. Da sempre vibro nella tua regia. Valico alture e scendo nelle valli: non consenti che soccomba in miserie, né che mi alteri nella gloria. Alimenti il mio spirito. Dai fuoco all’anima. Timoniera di me stessa, guidi la rotta, perché il viaggio proceda, comunque proceda… Orienti la bussola verso luce, affinché raggiunga l’agognata riva. Incredula osservo la tua potenza, l’infinita energia. Mi sento piccola, disorientata, persa… Forza, dove sei? Eccoti! sei dentro me, nell’umiltà e nella dolcezza del dono ti ritrovo. Teresa Tranfaglia

Vivere con autismo è una cosa difficile da fare,
There will be times when you're sad lonely and blue. Ci saranno momenti in cui sei triste solo e blu.
Guaranteed are times when you will miss understand, Garantito sono momenti in cui ti perderai capire,
Or get upset when things don't go as planned. Oppure si arrabbiano quando le cose non vanno come previsto.

You will find it hard to explain how you feel, Lo troverete difficile spiegare come ci si sente,
Instead you will just sit, scream and squeal. Invece sarà solo sedersi, urlo e strillo.
You will soon be putting your toys in size order, Presto sarà messa tuoi giocattoli in ordine di grandezza,
People may point or laugh, Le persone possono scegliere o ridere,
But they don't know about this disorder. Ma loro non conoscono questa malattia.

You will at times give your mum and dad a fright, Avrete a volte, dare il vostro mamma e papà spaventato,
With throwing things, pulling your hair Con il lancio di oggetti, tirare i capelli
And maybe the occasional bite. E forse il morso occasionale.

Your mum and dad just need to understand La tua mamma e papà solo bisogno di capire
You're not quite like the others. Tu non sei abbastanza come gli altri.
This doesn't mean they will love you less Questo non significa che ti ama di meno
Than they do your sister or brothers. Di quanto non facciano tua sorella o fratelli.

Living with Autism is a hard thing to do, Vivere con autismo è una cosa difficile da fare,
I should know, because I live with it too. Vorrei sapere, perché io vivo con esso anche.

       
     

Siamo tuoi Speciale Bambini
by D. Tetelman da Tetelman D.
(Bethesda, MD) (Bethesda, MD)

(Special Education Teacher Appreciation) (Special Appreciation formazione degli insegnanti)

Sarah didn't hear you say Sarah non ha sentito dire
what we are going to learn today. quello che ci accingiamo a imparare oggi.
Sam jumped to his feet Sam balzò in piedi
each time he heard a noise repeat. ogni volta che ha sentito un rumore ripetere.

Norton is the clown, so droll Norton è il clown, in modo buffo
without a bit of impulse control. senza un po 'di controllo degli impulsi.
Jane is lost inside her dreams Jane è perso dentro i suoi sogni
until for some reason, she screams. fino a quando per qualche motivo, si grida.

Mickey's love seems endless amore di Topolino sembra senza fine
but his handwriting is a mess. ma la sua scrittura è un casino.
Bridget learned to say "hello" Bridget imparato a dire "ciao"
but hates to see her mother go. ma odia di vedere sua madre andare.

Life is hard for us everyday. La vita è dura per noi tutti i giorni.
It's hard to learn and hard to play. E 'difficile da imparare e difficile da giocare.
You are standing by our side Lei è in piedi accanto a noi
each day at school. ogni giorno a scuola. You are our guides. Tu sei la nostra guida.

With your help we make progress Con il vostro aiuto possiamo fare progressi
but not as quickly as the rest. ma non così velocemente come gli altri.
With each tiny step, be proud of Con ogni piccolo passo, essere orgogliosi di
your patience, your strength, la pazienza, la vostra forza,
your labor of love. il tuo lavoro d'amore.


     

AUTISMO Tis AUM
by Joan Carol Fullmore da Fullmore Carol Joan
(Los Angeles, CA) (Los Angeles, CA)

Have you ever thought of our senses? Avete mai pensato dei nostri sensi?
Four of five we have no control Quattro su cinque non abbiamo alcun controllo
Our eyes see the beauty and ugly unless I nostri occhi vedono la bellezza e il brutto meno
We are blind or they are closed. Ci sono ciechi o sono chiuse.

Our ears often hear more than they want to Le nostre orecchie sentono spesso più di quello che vogliono
Wont for music we would often escape Wont per la musica avremmo spesso sfuggono
We shutdown to critics and static Noi arresto ai critici e statico
Compliments we wish could replay. Complimenti vogliamo replay poteva.

Our nose is open to attack frontal Il nostro naso è aperto a attacco frontale
We've no defense over this fate Non abbiamo la difesa su questo destino
But this one I won't whine about Ma questo non mi lamento circa
Without can't taste much on my plate. Senza non può molto gusto sul mio piatto.

Our touch covers all of our body Il nostro tocco copre tutto il nostro corpo
It's amazing how far it can spread E 'incredibile quanto si può diffondere
This is the one we are mostly best off Questo è quello che sono per lo più i migliori off
With our skin than yours instead. Con la nostra pelle del tuo posto.

Now we are left with our lips Ora ci ritroviamo con le nostre labbra
Of these we get only one set Di questi otteniamo solo un set
With this one we have total In & Out control Con questo abbiamo totale di In & Out di controllo
Unless fire should Think first probably reset. A meno che il fuoco si deve pensare prima probabilmente reset.

We humans evolved due to our mouth piece. Noi esseri umani si è evoluta grazie al nostro pezzo bocca.
Teething all foods and sharing our sounds Dentizione tutti gli alimenti e la condivisione nostri suoni
Gave us an edge on other species. Ci ha dato un vantaggio su altre specie.

Before we used for survival Prima abbiamo usato per la sopravvivenza
Just wanted our own little space Volevo solo il nostro spazio di poco
As our stories evolved and cookies were born Come le nostre storie si è evoluto e biscotti sono nati
We've got stuff all over the place! Abbiamo roba dappertutto!

Mind can go but so far it can Mente può andare, ma fino ad ora si può
Sour oops Soar to tremendous heights Sour oops Soar ad altezze enormi
But with our egos and many byways it is Ma con il nostro ego e sentieri molti è
More like a rat maze sight. Più simile a un labirinto vista ratto.

Not a thing wrong with these west-east Non è una cosa di sbagliato in queste ovest-est
Trailblazers of a new 4-D highway paving Pionieri di una nuova autostrada 4-D pavimentazione
Tina sang 'No More Heroes' other than Self Tina ha cantato Self diverso da 'No More Heroes'
Ordered Beauty they are here to be creating. Ordinato di bellezza sono qui per essere la creazione.

Like sages of Olds they instinctively know Come saggi di Olds istintivamente sanno
True wisdom needed no modern touch La vera saggezza non aveva bisogno di tocco di modernità
They know tis AUM not OM Sanno AUM non tis OM
They do not ever want to cut it short. Non vuole mai a tagliare corto.

A done right starts throat deep to get on right track Un diritto di fatto inizia la gola profonda di salire sul binario giusto
U like it says breathes deep and spirals its turn back U come si dice respira profondo e le sue spirali tornare indietro



M closes the lips now internal sound cannot get out M chiude le labbra ora suono interno non può uscire
AUM encases all sound deep within wisdom sought. AUM racchiude tutti i suoni dentro di saggezza cercato.

Our species needs mind and mouth silence La nostra specie bisogno di silenzio la mente e la bocca
To travel to our planet's next growth chapter Per viaggiare al capitolo successivo di crescita del nostro pianeta
Silence is loud when deep divers Il silenzio è forte quando subacquei
no mind state found nessuno stato trovato mente
These children gifted sieving noise from true sound. Questi bambini dotati rumore setacciatura dal suono vero.

They are the new frontier to lead us Essi sono la nuova frontiera per condurci
beneath the fray al di sotto della mischia
What pearls they may find to show an easier day? Che perle possono trovare a mostrare un giorno più facile?
May never be perfect but we could straighten Non può mai essere perfetto, ma abbiamo potuto raddrizzare
up a bit un po '
They just might automate greed and terror away quick! Hanno appena possibile automatizzare l'avidità e il terrore via veloce!

These children know mind must settle to Questi bambini sanno mente deve depositare in modo da
turn more matter grey volta di più la materia grigia
Einstein brought us to the U-turn in time Einstein ci ha portato alla svolta ad U in tempo
Said relative to Self go that way! Ha detto rispetto al Sé andare in quel modo!
So while we are warring spooning whining Così, mentre noi siamo in guerra spooning piagnucolare
Dining & nitelite meant mooning Gastronomia e NiteLite significava Mooning
They are deep sea pearl diving Si tratta di apnea profonda perla del mare
A new way to mateplay :). Un nuovo modo di mateplay:).

Like Joan & John & Hammerstein before me Come Joan e John & Hammerstein prima di me
I am a cockeyed optimist cannot be any other way Io sono un ottimista strampalato non può essere altro modo
Most times people see fools when I see fabulous La maggior parte delle volte la gente vedere gli sciocchi quando vedo favoloso
What the heck be an idiot like me and Che diavolo è un idiota come me e
Let's get adventurous! Let's get avventuroso!

Like Whitney, Ain't singing to you you Come Whitney, non sta cantando per te
you you you? te te te?
If you are a reality of sound vibration skeptic Se sono una realtà della vibrazione sonora scettico
But if OM silence you now seek Ma se il silenzio OM ora si cercano
Return to AUM a true pearl relic.* Torna a AUM una vera reliquia perla .*

And while awaiting hero hybrids to E mentre in attesa di ibridi eroe
Dive us the Way Dive noi la Via
We may just see 2013 Noi possiamo solo vedere 2.013
If we use our sixth sense Se usiamo il nostro sesto senso
Zip our lips don't say with Zip le nostre labbra non dicono con
We can all help save the human race! Tutti possiamo contribuire a salvare la razza umana!


*Softly AUM near the crying child's ear * Softly AUM vicino l'orecchio del bambino che piange di
Calm will flow for you both from fear. Calma scorrerà per te sia da paura.


Inspired by: 57% rise Sofia Ivy Whitehead, Stephanie Darensbourg Ispirato da: 57% di aumento Sofia Ivy Whitehead, Stephanie Darensbourg
Dedicated to: PRANAVA & The Vedanta Society of Kansas City Pranava & The Society Vedanta di Kansas City: Dedicato a

Cancella post · più di un anno fa
     

I Am A Parent
by (Shared by M. Bigrigg, a parent of 3 wonderful children, Taylor is our child with Autism) da (condivisa da M. Bigrigg, un genitore di tre figli meravigliosi, Taylor è il nostro bambino con autismo)

I Am A Parent I Am A Parent

I am Xena. Io sono Xena. Real life warrior, goddess of an guerriero vita reale, di una dea
invisible or invisible disabilities disabilità invisibili o invisibile
With my steel plated armour I can fight anyone who gets in the way of my child. Con la mia armatura in acciaio cromato posso combattere chi si mette di mezzo di mio figlio.
I can fight the stares and ignorance of Typpies – those without disibilities in their lives Sono in grado di combattere gli sguardi e l'ignoranza di Typpies - quelli senza disibilities nella loro vita
-- and educate them as to why my child is the way he is, and why he does the things he does. - E educarli sul motivo per cui mio figlio è il modo in cui egli è, e perché fa le cose che fa.
Yes, I am Xena – and I am armed to battle. Sì, sono Xena - e sono armati di battaglia.

I am Bionic Man. Sono un uomo bionico. I have X-ray vision Ho vista a raggi X
-- I can see through the mask of disabilites on my child's face, and see the beauty in his soul and the intelligence in his eyes -– when others can't. - Sono in grado di vedere attraverso la maschera di disabilites sul viso di mio figlio, e vedere la bellezza nella sua anima e l'intelligenza dei suoi occhi - quando gli altri non possono. I have super-hearing -– I can look at my child when he smiles at me, and hear his voice say, “I love you!” – even though he can't talk. Sono super-udito - posso guardare il mio bambino quando lui mi sorride, e sentire la sua voce che dice: "Ti amo!" - Anche se non può parlare.
Yes, I am thankful to be Bionic. Sì, sono grato di essere Bionic.

I am Mary. Io sono Maria. A not so well known parent of a child who was brought here to touch the souls of those around him, in a way that will forever change them. Un genitore non così ben conosciuto di un bambino che è stato portato qui per toccare le anime di coloro che lo circondano, in un modo che li cambierà per sempre il cambiamento. And it started with me. E 'iniziato con me. By teaching me things I would never have known, by bringing me friendships I never would have had, and by opening my eyes as to what really matters in life. Insegnando me le cose che non avrei mai conosciuto, portando me amicizie che non avrei mai avuto, e aprendo gli occhi su ciò che conta davvero nella vita. Things like keeping the Faith, never losing Hope, and knowing a Love that words cannot express. Cose come Tentazioni d'amore, senza mai perdere la speranza, e conoscendo un Amore che le parole non possono esprimere.
Yes, I too am blessed by a special child, just like Mary. Sì, anch'io sono benedetti da un bambino speciale, proprio come Maria.

I am Superman. Io sono Superman. I am able to leap over tall loads of laundry in a single bound, and run faster than a speeding bullet, to chase a child as he dashes out the front door and heads for the busy street. Sono in grado di saltare alti carichi di bucato in un unico legato, e correre più veloce di una pallottola, per inseguire un bambino come lui trattini fuori dalla porta e si dirige verso la strada trafficata.
Oh yes, without a doubt, I am Superman. Oh, sì, senza dubbio, io sono Superman.




I am Stretch Armstrong -– a parent that can be stretched beyond belief –- And still somehow return to normal. Sono Stretch Armstrong - un genitore che può essere allungato oltre ogni immaginazione - e ancora in qualche modo tornare alla normalità. I can stretch my patience as Sono in grado di allungare la mia pazienza, come
I explain my child's biomedical issues with yet another uneducated person. Spiego i problemi biomedici di mio figlio con un'altra persona ignorante. I can stretch what time I have, and share it with my spouse and my children. Sono in grado di allungare il tempo che ho, e condividerlo con mia moglie ei miei figli.
Yes, My name is Stretch. Sì, il mio nome è Stretch. And I have the stretch-marks to prove it! E ho la-smagliature per dimostrarlo!

I am Hercules. Io sono Ercole. The Greek God known for strength and courage. Il Dio greco conosciuto per la forza e il coraggio.
The heavy loads I must carry would make others crumble to the ground. I carichi pesanti devo portare renderebbe altri crollare a terra.
The Weight of sorrow, Fear at uncertainty of the future, Il peso del dolore, alla paura l'incertezza del futuro,
Injustice at having no answers, and from L'ingiustizia di non avere risposte, e da
Tears of despair, would alone possibly be too much, Lacrime di disperazione, sarebbe solo eventualmente essere troppo,
even for Hercules. anche per Hercules. But then the Joy, Laughter, Smiles and Ma poi la gioia, risate, sorrisi e
Tears of pride – at my child's accomplishments – balance the load Lacrime di orgoglio - a realizzazioni di mio figlio - bilanciare il carico
to make it easy to bear. per rendere più facile da sopportare.
Yes, I am Hercules. Sì, io sono Ercole. I find the strength to go on. Trovo la forza per andare avanti.

I am Moses. Io sono Mosè. I am doing my part in leading other people and society to more awareness, knowledge and resources, and most of all – Faith. Io sto facendo la mia parte nel condurre altre persone e società a maggiore consapevolezza, conoscenze e risorse, e soprattutto - Fede. Like Moses Come Mosè
did, I too, will sometimes meet with resistance from those who don't believe. fatto, anch'io, a volte incontrare resistenza da parte di chi non crede.
Yes, I am like Moses, God will give me small miracles here and there, needed to Sì, io sono come Mosè, Dio mi darà piccoli miracoli qua e là, necessari per
accomplish my mission. compiere la mia missione.

I am a parent of a child with special needs, all the above, and so much more. Sono un genitore di un bambino con bisogni speciali, tutto quanto sopra e molto di più. Some days, I will want to be none of the above -– and just be a typical parent with a typical child, doing typical things. Alcuni giorni, io voglio essere nessuno dei precedenti - e solo un genitore con un bambino tipico tipico, fare le cose tipiche. On those days, I will know In quei giorni, saprò
it's okay to be angry, and to cry and to lean on friends and family for support. va bene essere arrabbiati, e di piangere e di appoggiarsi a parenti e amici per il sostegno.
Because after all, -- the most important thing I am ...is human. Perché, dopo tutto, - la cosa più importante sono ... è umano.


Author Unknown Autore sconosciuto

Cancella post · più di un anno fa
     

Diverse
by Christine Reynolds da Reynolds Christine
(England ) (Inghilterra)





I've been through dark Ho conosciuto il buio
Through dust, through dawn Attraverso la polvere, fino all'alba
I've climbed the steps Ho scalato i passi
I've faced your taunts Ho affrontato il tuo provocazioni

You've laughed, you've mocked Hai riso, hai preso in giro
You've stared, you've shattered Hai guardato, hai infranto
I watched, I stopped Ho guardato, ho smesso di
I applauded dumbly Ho applaudito stupidamente
Constantly knackered Costantemente spompato

O thou art guilty of giving me a home O tu sei colpevole di avermi dato una casa
I felt accepted but utterly alone Mi sentivo accettata, ma completamente solo
My tone a mute i stood in distortion Il mio tono di I muto era in distorsione
Why is the world a different shade of immoral Perché il mondo è una diversa tonalità di immorale
I'm sailing on the moon Sto navigando sulla luna
The stars I always wish to follow Le stelle sono sempre desiderano seguire

I'm in the air, I think of wings Sono in aria, penso di ali
I cling to things, a broken wish Mi aggrappo alle cose, un desiderio spezzato
A heart apart, I'ma thing of the past Un cuore a parte, sono una cosa del passato
My muse is rock, my heart doth roll La mia musa è rock, il mio roll ch'al cor

My survival echoes a dwindling La mia sopravvivenza riecheggia una diminuzione
And uncertain road E la strada incerta
When I curled into a ball Quando ho arricciato in una palla
When I screamed in silence for no reason at all Quando ho gridato in silenzio per nessuna ragione al mondo

When I mimicked your actions Quando ho imitato le tue azioni
And lose it with transactions E perdere con le operazioni
Remember this face Ricordate questa faccia
For it's battling a never ending pace Per la sua battaglia un ritmo non finisce mai

But I'm still able to self-resuscitate Ma io sono ancora in grado di auto-resuscitare
My inner melody is always bitter-sweet La mia melodia interiore è sempre dolce-amara
But nobody even asked me Ma nessuno ancora mi ha chiesto
Christine is their sum-thing wrong with you internally Christine è la loro somma-cosa di sbagliato in te internamente

I'd just reply no Avevo appena risposto no
I'm just different Sono solo diverse
Nothing more to it Niente di più ad esso
Just let me be Semplicemente lasciarmi stare

Goodnight Autism Goodnight Autismo
Always building a new-day, Christine Sempre costruzione di un nuovo giorno, Christine
But my God it can get lonely Ma il mio Dio lo può ottenere solo

Join in and write your own page! Iscriviti e scrivi la tua pagina! It's easy to do. E 'facile da fare. How? Come?
Simply click here to return to Autism Poems . Basta cliccare qui per tornare alla Poesie autismo .


Share this page:
           

     

........OUT

Tu guardi
tu guardi
nel tuo pozzo
di stelle cadenti
ora
spente

Accendi
i tuoi occhi mentali
come fari

Tocchi,
accarezzi
pareti pulsanti
sbatti cancelli di carne

Inventi
parole giganti
che tengono a distanza
gli oggetti

alzi voli inattesi
di "triggers"
in lotta
con nemici mai visti

e poi..
sparisci
Sparisci
cullandoti
nell'onda più lunga
dove
tu
"anima regale"
vivi


.........Nadia




Extraordinary Drawing Ability in an Autistic Child



       

     

Ariano Davide

dediche di nadia e francesca

ai BAMBINI CHE SENTONO "OLTRE "

Se vuoi conoscere Dio, non essere un solutore di enigmi. Piuttosto
guardati intorno, e lo vedrai giocare con i tuoi bambini.
K.Gibran

Coglierò per te
l'ultima rosa del giardino,
la rosa bianca che fiorisce
nelle prime nebbie
Le avide api l'hanno visitata
sino a ieri,
ma è ancora così dolce
che fa tremare.

     

Ariano Davide

Creatore

Spiegando le mie vele
al vento delle centurie in arrivo
cedo
agli affanni centrifughi che conducono alle stelle di sale
e navigo
verso le palpebre incollate dei giovani oceani
e il limitare
dei campi originali

       
     

AUTISMO
Dallo scaffale Poesia
...trauma infantile...
Non ebbi il tempo di girarmi dal'altra parte,
sentii lo strazio esalar piano dalla tua bocca.
Crebbi in solitudine ,mi rifugiai nell'arte
il silenzio mi accolse bene,a mia difesa come una rocca;

camminai tanto fino a qui, sentiero amaro, spaventato e reso
ne feci un dramma,tormentato fino al nero vivere,
ascoltai il rumore dei passi incedere nella stanza vuota,
turbato e chiuso,ne rimasi illuso,quasi indifeso,...per sempre leso

       

Untitled
by Amand Post Post da Amand

My little boy, this love of mine, Il mio bambino, questo mio amore,
Non so come dire; Sa di non venire a dirlo;
Dammi la camera in ogni fase, Si prega di darmi spazio per ogni tempo,
Le sue parole mettersi in cammino. Le sue parole d'intralcio.

Non si sa, passando da Tu non sai di passaggio,
Il quotidiano di lotte: Le lotte di tutti I giorni:
Ma provate a guardare lui negli occhi, Ma provate a guardare negli occhi,
Vedrete che nel suo volto. Lo potete vedere in faccia.

Non si può capire quanto sia difficile, L'utente non può capire quanto sia difficile,
Possono essere piccole mansioni in vita; piccoli compiti nella vita può essere;
Come difficile parlare ad alta voce, Vieni difficile parlare ad alta voce,
O imparare l'ABC. O imparare la convenzionati ABC.

E solo perché egli non abbraccio E proprio perché non vi abbraccio,
O ti bacio, Ciao e bye; Oppure ti bacio ciao e arrivederci;
Non significa che egli non ama Non significa non ti ama,
Per favore Basta dargli tempo! Si prega solista dargli tempo!

Attraverso tutti i tantrums, i combattimenti e le lacrime, Attraverso tutti I capricci, le lotte e le lacrime,
Guardo a lui e vedere; Io lo guardo e vedere;
Un ragazzino con tonnellate di paure, Un ragazzino con le tonnellate di paure,
Chi si sforza di normalità. Chi lotta per la normalità.

Naturalmente egli vede che lui è diverso, Certo vantò lui è diverso,
Ma egli solo non può vedere perché; Ma lui non può vedere il perché;
È trascorso il tempo di tutti, tempo per tutti è speso,
Cercando di fargli 'diritto'. Cercando di tariffa di lui 'destra'.

Aprite il vostro cuore e la mente, Apri il tuo cuore e la mente,
E basta guardare tranquillamente; E solo a guardare in silenzio;
Vedrete un ragazzo che è veramente cercando, Vedrete un ragazzo è davvero provando,
Vuole solo essere felice. vuole solo essere felice.

Egli è solo un ragazzo poco spaventato, E ' solo un ragazzo spaventato poco,
Con ogni vista e il suono; Con ogni vista e l'udito;
So che suona con solo un giocattolo, Così la carrellata con un giocattolo solista,
E gira intorno e rotonda. E gira e rotondo.

So che a volte egli ti gridare e urlare, Così che a volte sarà lui a gridare e urlare,
Egli non può semplicemente dire; Egli semplicemente non si può dire;
Egli non sta cercando di essere media, Non è cercando di essere crudele,
Le cose devono essere a suo modo. Le cose devono essere a suo modo.

Tutto si può dire è che "Non è giusto", Tutto quello che posso dire è 'Non è giusto',
A volte sembra irreale; A volte sembra irreale;
Egli non può esprimere però provare che egli potrebbe, Egli non può esprimere anche se avrebbe potuto provare,
Per dirvi come si sente. Per dirvi come si sente.

So che egli ripete lo stesso, Così lui stesso ripete,
E a volte altri troppo; E a volte anche gli altri;
Credetemi che veramente aiutare, Credetemi che fa veramente di aiuto,
Ansia da rimuovere. Ansia da clicking.

Così si prega di essere paziente e di essere gentile, Quindi, per favore sii paziente e essere gentili,
Amore di lui tutti i giorni; Amore lui tutti I giorni;
So che nel tuo cuore che si trova, Così nel vostro cuore, troverete,
Un posto per lui sempre. Un posto per lui sempre.

Egli è il mio ragazzo speciale, bello, Egli è il mio speciale, bel ragazzo,
Che amo all'infinito; Amo infinitamente;
Egli è il mio regalo, il mio amore e gioia mia Lui è il mio dono, il mio amore, e la mia gioia
Egli è tutto per me Lui è tutto per me
       

  IN QUESTO CI SONO  RACCOLTE NUMEROSE POESIE  PIENE DI SENSIBILITA' DETTATE DAL CUORE  VI RINGRAZIO DELLA VISITA

 

Condividi post

Repost 0
autismolunionefalaforza
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di AUTISMO L'UNIONE FA LA FORZA
  • Blog di AUTISMO L'UNIONE FA LA FORZA
  • : il nostro cammino autismolunionefalaforza.over-blog.it con le emozioni vere si puo'emergere dal silenzio ,delle pagine scritte con la loro storia interiore ,che colorano la vita ,con la purezza e il candore ,dipingendo e disegnando il sentiero per il mondo Cerchiamo di accogliere, comprendere ...e aiutare le persone con AutismoPer concludere, ritengo che si possa e si debba Anche per i genitori, pur colpiti così duramente da tanta sofferen.....
  • Contatti

Link